GRAMMATICA
Ortografia e pronuncia · Frasi · Sostantivi · Determinanti · Pronomi · Aggettivi · Avverbi · Verbi · Preposizioni · Congiunzioni · Domande · Proposizioni · Numeri · Formazione delle parole · Abbreviazioni · Punteggiatura · Sintassi

Punteggiatura

Generalmente, l’elefen lascia agli scrittori la scelta della punteggiatura – le uniche norme sono di essere chiari e coerenti. Ciononostante, esistono alcune convenzioni fondamentali, e queste sono uguali a quelle della maggior parte delle lingue europee.

La prima parola in una frase inizia con una lettera maiuscola.

Segni di punteggiatura principali

Una frase finisce comunemente con un punto. ).

Se una frase è una domanda diretta, finisce con un punto interrogativo? ).

Si può mettere un punto esclamativo! ) al termine di una frase che avrebbe un’intensità emozionale nel parlato.

Una virgola, ) indica una pausa naturale in una frase, o a volte si include solo per separare chiaramente una parte di una frase (come una proposizione) da un’altra. Si usano le virgole anche per separare le cose in una lista.

Quando si scrive una quantità in cifre, si può utilizzare o una virgola o un punto per indicare l’inizio della parte frazionaria. Si può usare uno spazio per separare i gruppi di tre cifre.

I due punti: ) introducono una presentazione più dettagliata della cosa che li precede. Dopo i due punti, usa una lettera maiuscola se ciò che segue è una frase completa, ma non se è solo una lista o una parte di una frase.

Si può usare il punto e virgola; ) al posto di un punto tra due frasi che riflettono o si bilanciano strettamente a vicenda. Un punto e virgola può separare anche le cose in una lista, se queste sono lunghe o contengono le proprie virgole.

Non scrivere uno spazio prima di un segno di punteggiatura principale. Ma scrivi uno spazio dopo, tranne che alla fine di un capoverso.

Virgolette

Una virgoletta compare all’inizio e alla fine delle parole che si presentano come una citazione diretta. Si hanno diverse forme di virgolette nel mondo, tra cui ' «».

In elefen, si usa normalmente la forma , che è chiara, facile da digitare e internazionale. Quando una citazione compare in un’altra citazione, si mette ' intorno alla citazione interna – c’è un esempio qui sotto. Nella buona tipografia, come nei libri, vengono usate le forme curve “” e ‘’, ma queste non sono necessarie nelle comunicazioni comuni. Non si mettono gli spazi tra le virgolette e il testo citato.

In alcune lingue, si scrive una lineetta ( — ) in mezzo a un dialogo quando una nuova persona inizia a parlare, al posto delle virgolette. Noi raccomandiamo di evitare ciò in elefen, poiché è meno chiaro, e può essere confuso con altri usi delle lineette.

Quando si citano le parole di un personaggio in una storia, comunemente si accompagna la citazione con un’indicazione di chi parla e del suo modo di comportarsi. Per frasi di questo genere in elefen, si preferisce mettere una lineetta tra questa indicazione e ciascuna parte della citazione. In questo modo, si mantiene facilmente la punteggiatura esatta della frase originale:

Quando si scrive in materia di lingue e si cita una parola o espressione per riferirsi ad essa, si usano solo le virgolette:

Segni di punteggiatura minori

I puntini puntini ) suggeriscono una pausa, o indicano che alcune parole vengono omesse.

Le lineette ( –  o  — ) e le parentesi() ) circondano i commenti che si introducono nel normale flusso di una frase.

L’apostrofo' ) indica che una vocale è stata omessa. Normalmente, questo avviene solo nelle poesie e nelle canzoni.

In elefen, i simboli di valuta (€, ¥, £, $, ecc.) si scrivono prima o dopo le cifre di un prezzo, a seconda dell’usanza del Paese in questione.

Esistono ancora altri segni di punteggiatura, ma i loro usi si collegano a malapena alle regole dell’elefen.

Esta paje es presentada con la lisensa CC Attribution-Share Alike 4.0 International.
Lo ia es automatada jenerada de la paje corespondente en la Vici de Elefen a 8 janero 2021 (15:49 UTC).